Benedettelli Music Productions

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

ORFEO

Orfeo è un'opera Rock originale composta a quattro mani da Daniele e Alessandro Benedettelli nell'Autunno 2008, basata sul mito di Orfeo e Euridice. Nella sua stesura originale, è stata concepita per essere rappresentata in forma di concerto-studio: gli arrangiamenti sono volutamente molto semplici, adatti ad un organico minimale: pianoforte, chitarra elettrica/acustica, basso e batteria. Stiamo preparando una nuova stesura, arricchita di nuovi brani, nuovi arrangiamenti per orchestra, e balletti. La messa in scena, che nel trailer (visibile qui sotto) è "all'Italiana", sarà completata con scenografie e una sceneggiatura vera e propria.


La storia è un classico, ma in certi dettagli è stata arricchita, e il rapporto tra alcuni personaggi reso più vivo. Orfeo è un musicista e poeta portentoso, tanto che è in grado di influenzare la Natura con il suo canto. Il trascorrere delle stagioni, ed in particolare, il ritorno della Primavera, ogni anno dopo l'inverno è merito suo. Persefone, dea della Primavera tanto tempo prima fu rapita da Ade, il Signore della Morte, e costretta a divenire sua sposa. Solo una volta all'anno, chiamata dal canto di Orfeo, può tornare sulla Terra, e con lei, sboccia di nuovo la Primavera.

L'opera inizia in medias res, a cose fatte. Euridice, amatissima sposa di Orfeo, è già morta, e Aristeo è portavoce della triste situazione in cui non solo Orfeo, ma tutto il mondo è piombato. Orfeo è annientato, non suona più, non canta più e la Terra è stretta nel più lungo e gelido inverno di sempre. Orfeo da un lato è provocato dalle seducenti Menadi, che lo vorrebbero avere tutto per loro, dall'altro è incoraggiato a ricominciare a suonare la sua chitarra e, in un viaggio ai limiti delle possibilità umane, andare a riprendersi Euridice direttamente nell'Aldilà.

Tra le righe di questa storia di per sè semplicissima, si intuisce il significato simbolico del personaggio di Euridice, espresso nel corale che conclude l'opera.

Dim lights
Euridice è vanità

un istante e lei sparirà

E’ la tua felicità

che cerchi,

Euridice fugge.

Corrile dietro ma

non la raggiungerai!

Le parole sono inutili

per spiegarla, quindi tu vivila!

Non tentare di capire

un sentimento un’emozione

effimera come quest’aria

che è intorno a te.

Se quell’attimo non basta più

come Orfeo sfida anche tu

l’Universo intero per

averla ancora al tuo fianco

con il tuo amore,

solo il tuo immenso amore.

CD Orfeo live
10,00 €

You are here: